AmMira Festival 2024

News

Ti aspettiamo!

Clicca sul pulsante per scaricare il programma completo di AmMira Festival 2024!

AmMira Festival – della cultura e dell’educazione civica

Edizione 2024

AmMira è il Festival della cultura e dell’educazione civica promosso ogni anno dalla Fondazione AIEF per l’infanzia e l’adolescenza nelle periferie torinesi. L’obiettivo di AmMira è quello di innescare un impatto positivo e duraturo sul territorio, contribuendo al miglioramento della qualità della vita dei cittadini e allo sviluppo della coesione sociale nei due quartieri periferici in cui si svolge: Mirafiori Sud e Lucento.

L’edizione 2024 inaugura il 31 maggio e termina il 28 giugno: oltre 40 appuntamenti che si svolgono ogni martedì, mercoledì e venerdì al Punto 13 di Via Farinelli 36/9 e ogni martedi e giovedì al Castello di Lucento in Via Pianezza 123. Quest’anno il Festival coinvolge una ventina di associazioni del territorio e offre un ricco programma che comprende: spettacoli teatrali, presentazioni di libri, incontri e serate musicali. Ad accompagnare gli eventi sono previsti in entrambe le location punti di somministrazione per aperitivi e cene. Inoltre, la programmazione prevede numerosi laboratori didattici ed educativi che coinvolgono i bambini e le bambine di quattro centri estivi del territorio.

AmMira Festival 2024 è possibile grazie al prezioso sostegno di Fondazione Sviluppo e Crescita – CRT, che insieme ai partner e agli enti collaboratori, consente la realizzazione di tutta l’iniziativa. Inoltre, gli eventi che si svolgono a Mirafiori sono parte di ESTATE A SUD 2024 nell’ambito del programma culturale “TORINO, CHE SPETTACOLO! CHE BELLA ESTATE!”, un progetto della Città di Torino in collaborazione con Fondazione per la Cultura.

Partner dell’edizione 2024:
Cartoleria Momenti Felici, La Birroteca 2, Borello Supermercati, Carrozzeria New Bowling, Fondazione ITS – Efficienza Energetica Piemonte.

Media Partner:
Torino Cronaca, Radio Alfa, Radio Jukebox

Continua a navigare

Articolo precedente
Il ruolo sociale del rugby inclusivo
Menu